Logo it.businessdailytoday.com
Dietro Il Piano Aziendale: Playwire
Dietro Il Piano Aziendale: Playwire

Video: Dietro Il Piano Aziendale: Playwire

Отличия серверных жестких дисков от десктопных
Video: Personalizzazione del piano dei conti e gestione delle fatture ricevurte in ASSO360 2023, Febbraio
Anonim

Per Jayson Dubin e Steven Berger, co-fondatori della piattaforma di hosting video Playwire, l'unica vera costante è il cambiamento. Dopo che l'azienda ha operato per tre anni con il nome di Intergi Entertainment, Dubin ha capito che le reti pubblicitarie digitali, in particolare per i video, erano pronte per la distruzione, ha affermato. E così, sul retro di un tovagliolo, ha scarabocchiato il primo concetto di ciò che sarebbe cresciuto in Playwire. Questo è successo più di otto anni fa e Playwire è diventata un'azienda di successo. Dubin si è seduto con Business News Daily per seguire il piano aziendale e spiegare come una semplice idea disegnata su un prodotto di carta sia diventata una proficua impresa commerciale.

Notizie aziendali ogni giorno: in breve, quale servizio fornisce la tua azienda?

Jayson Dubin: Playwire offre una piattaforma di hosting e monetizzazione di video completa e facile da usare che rende redditizi i contenuti digitali per editori, artisti e creatori di contenuti. È anche la società madre di Playwire Media. Classificati da comScore come la più grande azienda di rappresentanza online per raggiungere gli appassionati di giochi e intrattenimento online, i nostri tre marchi editoriali (GameZone Group, NowPlaying Entertainment e Kids Club) offrono un'offerta di intrattenimento digitale per gli inserzionisti che desiderano indirizzare il proprio pubblico durante le attività di svago online.

BND: Da quanto tempo sei in affari?

Dubin: Siamo in attività da maggio 2007, quindi, arrivando a nove anni.

BND: Hai iniziato con un business plan formale? In caso contrario, come hai gettato le basi per la tua attività?

Dubin: Prima del lancio formale di Playwire e Playwire Media, la compagnia si chiamava Intergi Entertainment. Dopo tre anni di attività come agenzia pubblicitaria online, sapevo che c'era bisogno di reti pubblicitarie più sofisticate, in particolare relative al video. E sapevo che avrei potuto fare un lavoro migliore rispetto alle soluzioni esistenti al momento. Una sera sono uscito a cena con mia moglie e, sul retro di un tovagliolo, ho disegnato l'architettura di come sarebbe il mio lettore video: i database, la rete pubblicitaria, tutto. Quello fu l'inizio del business plan che gettò le basi per quello che esiste oggi come Playwire.

BND: Come hai finanziato i tuoi sforzi, sia inizialmente che man mano che la tua attività cresceva?

Dubin: Inizialmente, sia io che il mio partner, Steven Berger, abbiamo investito personalmente per far decollare la società. Steve ha anche contribuito a raccogliere fondi da tre investitori angel esterni, che hanno continuato a essere partner fantastici per noi. Man mano che crescevamo, abbiamo aperto una linea di credito, che è cresciuta man mano che abbiamo costruito un rapporto con la nostra banca.

BND: La tua azienda oggi è ciò che inizialmente avevi immaginato all'inizio o è cambiata significativamente nel tempo?

Dubin: Playwire è completamente cambiato nel tempo. Tuttavia, [mantiene] gli stessi principi fondamentali su cui è stata fondata la società [e che stanno] guidando ogni passo del cammino. Nel settore della pubblicità online, stiamo costantemente evolvendo la nostra attività e le nostre offerte per stare al passo con l'evoluzione delle tendenze. Per un certo periodo, tutto riguardava la pubblicità display e poi tutto per i dispositivi mobili. L'unica cosa su cui possiamo contare in questo settore è il cambiamento: i formati degli annunci, i dispositivi e il modo in cui le persone consumano i media sono in continua evoluzione. Dobbiamo adattarci continuamente per rimanere pertinenti e soddisfare le esigenze dei nostri clienti.

BND: Quali sono alcune lezioni che hai imparato? C'è qualcosa che avresti fatto diversamente?

Dubin: Penso che la più grande lezione che ho imparato sia su cosa significhi essere un leader. È molto più impattante essere un leader che è in trincea a fianco della squadra e incarna davvero, piuttosto che parlare, degli ideali e degli obiettivi dell'azienda. Trovo che quella passione e l'etica del lavoro siano contagiose e ispirino l'intero team a fare del loro meglio. Ho anche imparato che il successo è quasi interamente il risultato di un duro lavoro. Quando abbiamo iniziato, c'erano altre quattro società che stavano facendo esattamente quello che stavamo facendo, tranne per il fatto che avevano più soldi, hanno assunto un buon talento e si trovavano in grandi aree metropolitane (abbiamo sede a Deerfield Beach, in Florida). Nonostante queste differenze, oggi Playwire continua a guidare l'intero settore, e ciò è dovuto alla nostra perseveranza e all'atteggiamento di "non mollare mai".

In termini di cose che avrei fatto diversamente … alcuni anni fa ci siamo avvicinati ad accettare una serie di finanziamenti VC, ma alla fine sono passati. Guardando indietro, [lo vedo] al momento, non ho riconosciuto il valore reale che un VC ha portato sul tavolo in termini di sensibilizzazione al marketing e creazione delle giuste connessioni.

BND: Quali sono stati i fattori più importanti che hanno contribuito al tuo successo?

Dubin: Il fattore più importante che ha contribuito al successo di Playwire è che in tutto ciò che facciamo e in ogni decisione che prendiamo, rimaniamo fedeli ai nostri valori fondamentali e al nostro modello di business. In pratica, ciò significa cose come non spendere troppo. All'inizio, non potevamo permetterci di assumere un COO o grandi nomi del settore. Abbiamo dovuto rimboccarci le maniche e fare molto il lavoro da soli. Hai bisogno di un'attività finanziariamente stabile prima di poter ridimensionare. Ciò richiede un duro lavoro e dedizione, essere in viaggio cinque giorni alla settimana e, naturalmente, una mentalità "fallimento non è un'opzione".

BND: Quali sono i prossimi passi che vuoi intraprendere come imprenditore? Come ti vedi a raggiungere questi obiettivi?

Dubin: in termini di passaggi successivi, il nostro obiettivo è raggiungere le dimensioni e le dimensioni che ci portano a un punto di liquidità nel prossimo futuro. Abbiamo già iniziato a gettare le basi per raggiungere questo obiettivo assumendo un COO per aumentare l'efficienza e allo stesso tempo liberare tempo per guidare le vendite. Nel perseguire i nostri obiettivi, adottiamo un approccio di retroingegnerizzazione: se è qui che vogliamo trovarci in un determinato periodo di tempo, come possiamo tornare indietro per iniziare a raggiungerlo ora?

BND: Qual è il tuo miglior consiglio per qualcuno con una grande idea imprenditoriale che è pronta a provare?

Popolare dall'argomento